Amphista Therapeutics sta mettendo a tacere le proteine della malattia per il trattamento del cancro

Amphista Therapeutics, con sede a Glasgow, in Scozia, è l’ultima azienda a sviluppare farmaci chiamati PROTACs, che sono progettati per rendere le cellule degradare le proteine nocive per il trattamento del cancro.

I farmaci a piccola molecola hanno mostrato un incredibile potenziale per il trattamento del cancro bloccando le proteine nocive nella cellula. Tuttavia, molti obiettivi promettenti della proteina per i trattamenti del cancro sono considerati “undruggable”, spesso perché non hanno posizione ovvia dove una piccola droga della molecola può legare.

Per raccogliere questa sfida, Amphista è stata fondata nel 2017. Filata fuori dei laboratori di degradazione delle proteine ricercatore Alessio Ciulli presso l’Università di Dundee, si basa presso l’incubatore BioCity a Glasgow.

L’avvio è una delle tante aziende che hanno assunto la sfida di targeting cosiddette proteine undruggable. Progetta farmaci chiamati proteolisi targeting chimere, o PROTACs.

In linea di massima, i PROTAC sono fusioni di due molecole — una che si lega alla proteina bersaglio e un’altra che recluta una proteina “carnefice”, chiamata ligasi, per degradare il bersaglio. Hanno parecchi vantaggi sopra le piccole droghe tradizionali della molecola, come potere degradare molte proteine undruggable ed essendo più duro affinchè i tumori resista via le mutazioni alla proteina dell’obiettivo.

Esempi di PROTACs in fase di sviluppo includono programmi di farmaci della biotech statunitense Arvinas, della società polacca Captor Therapeutics e della startup britannica Polyprox.

Tuttavia, secondo Nicola Thompson, CEO di Amphista, gli attuali PROTAC tendono ad attivare le ligasi chiamate ligasi E3, che possono essere alterate dai tumori per diventare resistenti ai PROTAC.

“Il campo si è rapidamente reso conto che affidarsi all’attuale ligasi e alla toolbox chimica associata costituisce una limitazione in termini di portata degli obiettivi degradabili, profilo di resistenza e capacità di affrontare la tossicità specifica del tipo cellulare”, mi ha detto Thompson.

Amphista mira a creare PROTAC che attivano un diverso tipo di macchinario proteico boia chiamato sistema ubiquitina-proteasoma. Ciò darebbe molti più strumenti chimici per la produzione di PROTAC e potrebbe aiutare a superare la resistenza del tumore ai PROTAC a base di ligasi E3.

Per finanziare lo sviluppo preclinico dei suoi trattamenti oncologici di prima classe, la società ha sollevato una serie A round di €7M all’inizio di questo mese ed è anche alla ricerca di potenziali accordi di partnership. Thompson ha anche detto che Amphista mira a sollevare un round di serie B entro la fine dell’anno.

Il campo di PROTACs è un campo molto giovane, con il suo giocatore più avanzato, Arvinas, alla fase I. Questo lo rende un compito scoraggiante per sviluppare un farmaco in questa classe. Tuttavia, Thompson mi ha detto che è anche un’opportunità per colpire obiettivi precedentemente irraggiungibili e potrebbe rivelarsi più economico da produrre rispetto a RNAi, un altro tipo di terapia che mira a degradare gli obiettivi della malattia.

“La degradazione mirata delle proteine aprirà lo spazio target drogabile e fornirà farmaci tanto necessari, non solo per curare il cancro ma molte altre malattie”, ha confermato Thompson.

Secondo Maria Sagan, Knowledge Manager di Captor Therapeutics, la ricerca del gruppo Ciulli ha contribuito molto al campo dei PROTAC, e Amphista ha un sacco di esperienza a sostegno di esso.

“L’interesse per la degradazione mirata delle proteine sia da parte del pharma che da parte degli investitori è sostanziale, quindi possiamo aspettarci che sempre più biotecnologie si uniscano nei prossimi anni”, mi ha detto. “Con un numero di obiettivi che rimangono da drogare, c’è abbastanza lavoro per tutti.”

Immagine da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.