Come applicare uno sconto di minoranza Hot

Uno sconto di minoranza è rilevante solo quando si valutano azioni in una società strettamente detenuta o di proprietà privata. L’uso di uno sconto di minoranza può aiutare a spostare più proprietà, o azioni, nelle mani di un figlio, una figlia o un dipendente, più velocemente e con minori conseguenze fiscali, se applicato correttamente.

Una partecipazione di minoranza è la proprietà di non controllo, solitamente definita come meno del 50% delle azioni con diritto di voto di una società. Uno sconto di minoranza è una riduzione del prezzo del titolo dal suo valore equo di mercato perché il proprietario o i proprietari di interessi di minoranza non possono dirigere o controllare le operazioni commerciali e a causa della mancanza di commerciabilità del titolo.

La dinamica del processo di transizione interna nella maggior parte dei modelli di business dei servizi finanziari è quella in cui il proprietario(i) si sente obbligato, o almeno nel loro interesse, a facilitare il finanziamento per gli acquirenti, in un modo o nell’altro. La società o l’azionista cedente non può regalare azioni a un membro non familiare senza conseguenze fiscali pari al reddito ordinario. È possibile aumentare lo stipendio del dipendente, o dare loro un bonus, solo per vederli pagare le tasse a tassi di reddito ordinario e girare intorno e acquistare azioni da un proprietario di maggioranza, la creazione di tassi di plusvalenze a lungo termine per il venditore. La maggior parte dei venditori non piace quella sequenza di eventi fiscali. Uno sconto di minoranza a volte ha più senso economico e può aiutare a far avanzare le prospettive di entrambe le parti, in particolare sulle questioni di gestione azionaria della pianificazione della continuità e della crescita del business.

In termini di sconti di minoranza, l’intervallo applicabile è compreso tra circa 0% e 40% per cento (ho visto 50%, ma questo sta spingendo la busta a mio parere). È imperativo che ogni proprietario e investitore conferisca prima con il proprio CPA ciò che è ragionevole e appropriato in ogni situazione. Si noti che è opportuno calcolare sconti separati per mancanza di controllo e per mancanza di liquidità. Uno sconto, se offerto, dovrebbe essere applicato in modo equo e uniforme. Ad esempio, se una partecipazione del 10% nella società viene venduta a due investitori alla stessa ora o più o meno, lo stesso metodo di valutazione e lo stesso livello di attualizzazione dovrebbero applicarsi a ciascuna vendita.

I proprietari e i dipendenti, compresi i figli e le figlie delle imprese a conduzione familiare, concordano nella maggior parte dei casi su ciò che è giusto e ragionevole dopo aver consultato il loro consulente fiscale e dopo aver considerato tutte le circostanze – non c’è una risposta chiara su quale sia esattamente il livello di sconto appropriato.

È interessante notare che, nella maggior parte dei casi, almeno nel settore dei servizi finanziari a questo livello di valore ($4.000.000 a $5.000.000), le parti concordano che lo sconto di minoranza sarà pari a zero, ma con alcune considerazioni importanti. Gli sconti di minoranza non sono sempre “confezionati” come uno sconto in valore; piuttosto, tali sconti o benefici sono spesso incorporati nei termini di prestito.

Si consideri che, nella maggior parte delle vendite interne, il proprietario o il venditore del titolo fornisce quasi sempre condizioni di finanziamento molto generose, consentendo l’acquisto delle azioni di minoranza, forse anche fornendo il finanziamento attraverso un aumento di stipendio o bonus o pagamento di dividendi. Anche considerare che, nella maggior parte dei casi, la minoranza proprietari possono avere un percorso diretto per la maggior parte delle proprietà al proprietario di morte, invalidità o di pensione, di solito attraverso un scritto di continuità o piano di successione (cioè, un Buy-Sell o accordo degli Azionisti, o un Diritto alla Prima Occasione), il che, di nuovo, di solito è accompagnata da molto generoso, a lungo termine di condizioni di finanziamento da parte del proprietario o la società (o l’azienda stessa in una redenzione situazione).

La realtà degli sconti di minoranza sta nella risposta a questa domanda: come si fa a vendere o trasferire il capitale in un business di servizi finanziari, vale la pena, diciamo, $500.000, a un dipendente, figlio o figlia, che ha poco o nessun patrimonio investibile? La risposta è, come proprietario, si trova un modo per ridurre legalmente il prezzo per azione. Per fare ciò, è spesso necessario vendere lo stock in modo incrementale. Ogni azione che un dipendente, un figlio o una figlia acquista, purché possieda meno del 50%, è probabilmente soggetta a uno sconto di minoranza per mancanza di controllo e mancanza di liquidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.