Cosa significa veramente” Movimento crea emozione”?

Se hai sentito “motion creates emotion” prima, allora è probabile che hai trascorso un po ‘ di tempo a imparare da Tony Robbins. Se no, allora si potrebbe trovare questo utile!

Ho avuto il privilegio di vedere l’uomo Tony Robbins dal vivo questo fine settimana all’ExCel di Londra. Se dovessi riassumerlo in 1 parola, quella parola sarebbe “impressionante”. Non ho mai visto nella vita reale una sola persona con tanta autorità e presenza; è stato strabiliante. Ci sono state molte cose di cui ha parlato che sono rimaste con me, ma una cosa in particolare che ha davvero suonato vera è stata “motion creates emotion”.

tony-robbins-2-motion-creates-emotion

La scienza dietro il fatto che il movimento crea emozione

Ho sentito la frase più volte attraverso la lettura di libri di Tony e guardando i suoi video di YouTube, ma non ho mai capito quanto sia estremamente rilevante questo è per tutto ciò che fai. Il principio, è che il modo in cui tieni il tuo corpo, muovi, respira e parla, influenza direttamente il tuo stato. C’è una reazione biochimica fisica all’interno del tuo corpo quando usi il tuo corpo in modi diversi.

Un esempio che ha dato è che è stato scientificamente provato che se si dovesse stare con le spalle indietro, il petto fuori, le mani sui fianchi e la testa alta mentre si respira profondamente (Pensare Superman posa) per soli 2 minuti, si verificherà più di un aumento del 20% di testosterone e una diminuzione del 20% nel cortisolo ormone dello stress. Questo a sua volta aumenta la probabilità che tu possa prendere decisioni coraggiose e rischiare per tutta la giornata (che è essenziale per il successo in ogni area della vita) di oltre il 30%.

testosterone-cortisolo-potenza-pose

Immagine qualcuno che è depresso. Come stanno? Come stanno? Il loro respiro è superficiale o profondo? La loro voce è forte o silenziosa? Si muovono lentamente, o rapidamente con uno scopo? Conosci già le risposte, perché la postura di qualcuno che è depresso è standardizzata in tutta la razza umana. Le loro spalle saranno in avanti, la loro testa sarà giù, il loro respiro superficiale, la loro voce tranquilla e il loro movimento lento.

Ora immaginate qualcuno che è felice e fiducioso. Come stanno? Come stanno? Il loro respiro è superficiale o profondo? La loro voce è forte o silenziosa? Si muovono lentamente, o rapidamente con uno scopo? Letteralmente l’opposto polare giusto? La gente crede che il modo di agire è il risultato di come ci si sente, ma che è completamente sbagliato. Il modo in cui ti comporti, determina come ti senti. Non il contrario. Il movimento crea emozione.

Quindi se fossi depresso eppure dovessi stare in questa posa di Superman, respirando profondamente a testa alta, sarebbe possibile rimanere depresso? Assolutamente no. La tua biochimica come risultato del tuo cambiamento nella postura del corpo altererebbe e cambierebbe il tuo stato emotivo, in 2 minuti piatti.

Come Tony ha dimostrato che il movimento crea emozioni

Se sei mai stato all’ExCel di Londra, saprai che le sale conferenze sono assolutamente enormi e possono ospitare migliaia e migliaia di persone all’interno. Quindi, per dimostrare questa idea che il movimento crea emozione, ha fatto in modo che tutti si alzassero e provassero un esercizio.

In primo luogo, voleva che trascorressimo 30 secondi a salutare quante più persone possibili, ma come se non ci importasse nemmeno lontanamente di loro, e come se li considerassimo apertamente completamente insignificanti per noi. Lo abbiamo fatto, e tutti hanno gridato la loro postura e la respirazione alla fine; spalle in avanti, respirazione superficiale, riluttante ad avvicinarsi all’altra persona.

Successivamente, abbiamo dovuto fare di nuovo lo stesso, ma questa volta come se fossimo terrorizzati dal fatto che non avrebbero gradito noi. Questa volta la postura e la respirazione attraverso la stanza era; spalle ancora più avanti, testa in giù, la respirazione ancora più superficiale, ancora più riluttante ad avvicinarsi ed evitare il contatto visivo. Tony poi ci ha chiesto come ci siamo sentiti in quel momento. Dal fare questi due semplici esercizi, mi sentivo insicuro di me stesso, molto più chiuso e più pauroso.

tony robbins

L’altro lato della medaglia

Quindi abbiamo dovuto andare in giro per la stanza e saluto ancora persone come molti come si può in 30 secondi, ma questa volta abbiamo dovuto immaginare che se l’altra persona non come noi in 3-5 secondi, tutti i nostri cari, avrebbe immediatamente morire. Piuttosto grande idea, ma significava che abbiamo davvero impegnati ad esso! Questa volta dopo l’esercizio, tutti hanno detto che i loro petti erano fuori, spalle indietro, respirando profondamente, che stavano facendo il contatto visivo, molto più deciso, diretto e certo.

Infine, Tony ci ha chiesto di fare di nuovo la stessa cosa, ma questa volta immaginando che l’altra persona era il tuo migliore amico o una persona cara e non li vedevi da anni! È stata un’esperienza piuttosto interessante incontrare persone che non conoscevi, afferrarle, abbracciarle e farle girare intorno… ma comunque i risultati sono stati molto accattivanti. In seguito tutti hanno notato che erano molto più animati, più forti, estremamente propositivi, fiduciosi, forti contatti con gli occhi e molto sicuri.

Quindi questa volta quando Tony ci ha chiesto come ci sentivamo a questo punto, mi sono reso conto che mi sentivo più sicuro, più sicuro, più felice e più audace. Tutto quello che avevo fatto era salutare un gruppo di persone a caso che non conoscevo nemmeno, e 5 minuti prima avevo fatto la stessa cosa ma mi ero messo in un cattivo stato d’animo solo facendolo in un modo leggermente diverso. Perché questo creerebbe uno stato e uno stato mentale così drasticamente diversi? Perché il movimento crea emozione.

Il movimento di saltare su e giù come un pazzo (nel video qui sopra), sicuramente mi ha messo in uno stato emotivo davvero positivo subito dopo questo è sicuro!

La lezione da portare via

La lezione qui è molto semplice. Influenze esterne agiscono solo come trigger per noi di eseguire determinati modelli di abitudine. Quindi diciamo che stai andando al lavoro e qualcuno ti fa a pezzi, cosa fai? Giuro? Cipiglio? Gobba sul volante? La maggior parte di noi altererà la postura del nostro corpo in risposta a questa influenza (il nostro modello di abitudine), manifesterà uno stato negativo e quindi avrà una brutta mattinata a causa di ciò. Si può vedere ora che avete la scelta però?

Quando sei arrabbiato perché pensi che la gente ti dirà di “respirare ” o”fare un respiro profondo”? Se l’emozione creasse movimento, allora ovviamente questo non farebbe nulla. Il danno sarebbe già stato fatto. Tuttavia, l’atto di respirare profondamente ti calmerà e ti allontanerà da uno stato di rabbia, a uno stato di calma. Perché? Perché il movimento crea emozione. Lo sappiamo tutti istintivamente, abbiamo appena scelto di credere di essere schiavi delle influenze esterne che ci accadono nella vita.

Le influenze esterne ci capiteranno ogni giorno, ma possiamo scegliere se reagire a queste influenze, o se controllare la postura del nostro corpo, rompere i nostri modelli di abitudine negativa e mantenerci nel giusto stato fisico per mantenere il giusto stato mentale mentre andiamo nei nostri giorni.

Se ti è piaciuto leggere questo quindi si prega di aggiungere la mia pagina su Facebook cliccando qui. In questo modo non mancherà il mio prossimo post quando sale. Tendo a scriverne uno nuovo quasi tutti i giorni, e questo post sul movimento che crea emozioni è il tipo di argomento di cui scrivo spesso.

Grazie per la lettura!

Per il tuo successo,

Dan Holloway

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.