Full paperMammalian spermatozoo-uovo interazione: la Fecondazione del mouse uova trigger modifica dei principali della zona pellucida glicoproteina, ZP2☆

Spermatozoo-uovo interazione nei mammiferi è avviata dall’associazione di sperma per la zona pellucida, acellulare cappotto completamente che circonda la membrana plasmatica delle uova non fecondate e preimpianto degli embrioni. La fecondazione provoca la trasformazione della zona pellucida (“reazione di zona”), in modo tale che lo sperma aggiuntivo non è in grado di legarsi alla zona pellucida delle uova e degli embrioni fecondati, e lo sperma che era parzialmente penetrato nella zona pellucida delle uova prima della fecondazione è impedito da un’ulteriore penetrazione dopo la fecondazione. L’incapacità dello sperma di legarsi alle uova e agli embrioni di topo fecondati è attribuibile alla modificazione del recettore spermatico, ZP3, una glicoproteina di peso molecolare 83,000 presente nelle zonae pellucidae isolate sia dalle uova che dagli embrioni . In questa indagine, ZP2, la glicoproteina principale trovata in pellucidae zonae del topo è stata analizzata mediante elettroforesi su gel in una varietà di condizioni per determinare se subisce o meno modifiche a seguito della fecondazione. In condizioni non riduttive, ZP2 presente in pellucidae zonae solubilizzati che sono stati isolati individualmente da ovociti di topo, uova ed embrioni migra su gel SDS-poliacrilammide con un peso molecolare apparente di 120.000. Tuttavia, in condizioni riducenti, ZP2 da embrioni, ma non da ovociti o di uova non fecondate, migra con un peso molecolare apparente di 90.000 ed è stato designato ZP2f. L’evidenza suggerisce che la modifica di ZP2 a seguito di fecondazione coinvolge proteolisi della glicoproteina, ma che disolfuro intramolecolari obbligazioni prevenire il rilascio di frammenti del peptide. È dimostrato che lo stesso cambiamento in ZP2 può essere generato in vitro mediante attivazione artificiale di uova di topo non fecondate con lo ionoforo di calcio A23187, eliminando così la possibilità che un componente spermatico sia responsabile della modifica di ZP2 dopo la fecondazione. Questi risultati suggeriscono che alcuni dei cambiamenti nelle proprietà biochimiche e biologiche delle zonae pellucidae, osservati in seguito alla fecondazione o all’attivazione di uova di topo, derivano dalla modifica della glicoproteina principale della zona pellucida, ZP2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.