La Mentalità di Monozukuri e creatività in una forma d’arte tradizionale applicata in scienza & tecnologia di oggi

In Giapponese, Monozukuri è un complesso di opere comprendente “mono”, che significa “prodotti” (letteralmente, “che cosa”) e “zukuri”, che significa “processo di esecuzione o di creazione”.

Tuttavia, il concetto abbraccia più del significato letterale. Offre l’idea di possedere lo “spirito di produrre prodotti eccellenti e la capacità di migliorare costantemente un sistema e un processo produttivo”. Il concetto porta ” sfumature di eccellenza, abilità, spirito, scorza e orgoglio nella capacità di fare le cose cose buone molto bene. Il Monozukuri non è una ripetizione insensata; richiede menti creative ed è spesso legato all’artigianato che può essere guadagnato attraverso una lunga pratica di apprendistato piuttosto che i curricula strutturati insegnati nelle scuole tradizionali.”In questo senso, il Monozukuri è un’arte piuttosto che una scienza.”

“Monozukuri” è considerato un importante concetto giapponese che esso e le tradizioni karakuri sono coperte nei libri di testo di studi sociali nelle scuole giapponesi. Ci sono molti “musei del giocattolo” a livello nazionale, così come i musei nazionali della scienza che evidenziano il concetto di “Monozukuri”. Si dice che “Monozukuri” come forma d’arte ha le sue origini più di 2.000 AC, ma che ha raggiunto il suo apogeo nel periodo Edo e karakuri tradizioni fiorirono bene nel periodo Meiji. Una delle mostre pubbliche più popolari di sempre è la mostra ” Toyota Collection: Fondamenti dell’innovazione Monozukuri in Giappone “in cui i giocattoli meccanici “karakuri” dei periodi Edo sono esposti per l’esposizione pubblica.

Secondo secondo gli storici della scienza, le karakuri meccanica “non sono solo le bambole — sono lo stesso tipo di automi, il cui sviluppo in Occidente portato a grandi passi avanti nella modernizzazione della scienza e della tecnologia” e nel Periodo Edo, ha portato ad una grande crescita della scienza e idee matematiche e alimentato l’innovazione scientifica e tecnologica. Gli storici amano anche sottolineare che la capacità automative, prodezza e creatività esistevano in Giappone prima che le famose “navi nere” del Commodoro Perry costringessero il Giappone ad aprire le sue porte al mondo, anche se l’influenza occidentale ha innegabilmente introdotto le molte nuove innovazioni scientifiche e di altro tipo che stavano avvenendo nel mondo occidentale.

Produttori e ingegneri in Giappone, ancora oggi, toccare l’idea di monozukuri e in considerazione di un principio fondamentale nella loro produzione, la progettazione e i processi di ingegneria, ha detto un professore universitario di connessione tra tecnologia e monozukuri creatività:

” Tuttavia, la scienza e l’ingegneria giocare un ruolo importante nel monozukuri, e in questo articolo viene descritto come è importante avere sia l’artigianalità tecnologia e della ricerca scientifica e principi di ingegneria e pratiche quando si vuole avere successo monozukuri e insegnare a studenti con monozukuri. È interessante notare che l’aspetto creativo dell’ingegneria è affrontato da Von Karman, il fondatore dell’aerotermochimica- “Gli scienziati vedono le cose che sono e chiedono’ perché?’Gli ingegneri sognano cose che non lo erano e chiedono:’ perché no?”

Il concetto di “Monozukuri” è un concetto chiave applicato al sistema di produzione Toyota, in particolare all’uso della robotica where dove l’applicazione del concetto è strutturata come segue:

“la gestione delle competenze, della tecnologia e delle risorse umane. Questo concetto è tipicamente visto in un sistema di produzione Toyota. Toyota produce automobili basate sul concetto di “just-in-time”. Significa ” tutto produrre solo ciò che è necessario e trasferire solo ciò che è necessario.”Ha impedito alla fabbrica di produrre oggetti non necessari. Un altro esempio è la ricezione da parte di FANUC del premio “Monozukuri” da parte della Nikkei Newspaper Company. Di fronte a una concorrenza globale sempre più intensa, l’industria manifatturiera giapponese deve rafforzare i suoi margini vincenti. L’industria manifatturiera deve rendere i propri prodotti più competitivi riducendo i costi di produzione. Come soluzione, FANUC ha proposto e realizzato un sistema di produzione senza equipaggio con i suoi robot intelligenti. Nel 2002, FANUC ha introdotto nella sua fabbrica un sistema di lavorazione senza equipaggio, utilizzando i suoi robot intelligenti, per lavorare incustodito per lunghe ore. FANUC ha sviluppato il suo avanzato ‘Assembly Robot Cell’, un sistema di assemblaggio su larga scala che utilizza i più recenti robot intelligenti, e ha installato il sistema per iniziare l’assemblaggio dei Mini robot FANUC nel giugno 2004. La “cella robot di assemblaggio” è un sistema di assemblaggio all’avanguardia. Utilizza robot intelligenti, in particolare i suoi più recenti sensori di visione e forza, per recuperare parti accatastate in modo casuale ed eseguire assemblaggi di precisione al micro-metro a livello di operaio specializzato,incustoditi, per lunghi periodi di tempo. La cellula del robot dell’Assemblea espanderà le applicazioni industriali del robot oltre le applicazioni tradizionali della saldatura a punti e di maneggio del materiale all’assemblea generale della macchina. FANUC si impegna a raggiungere il vantaggio vincente nell’industria manifatturiera implementando con successo l’assemblaggio automatico sul pavimento della fabbrica. Pertanto, la tecnologia robotica nelle linee di assemblaggio è necessaria per svilupparsi con il concetto”monozukuri” in mente.”

Si pensa che le tradizioni monozukuri e karakuri di lunga data in Giappone abbiano contribuito a promuovere l’amore giapponese per l’automazione e l’ingegneria, che si vede nel motivo per cui i giapponesi prendono l’onnipresente distributore automatico, o nei bagni intelligenti e sono affascinati dai robot domestici.

Infatti, Toyota afferma con orgoglio della tradizione monozukuri e karakuri,

“Storicamente, la bambola tradizionale giapponese chiamata “Bambola Karakuri” si dice che sia l’origine del robot. Una bambola Karakuri che è stata fabbricata e vendeva ben 400 anni fa si muove con una combinazione di ingranaggi quando la sua molla è senza fiato. Questo fatto indica che il Giappone ha una storia molto lunga inproduzione di robot. Un robot simile a una foca, chiamato “Paro”, prodotto da AIST è molto popolare tra coloro che sono ricoverati in ospedale a lungo termine o tra le persone anziane in quanto ha dimostrato di avere effetti mentali di” guarigione ” sugli esseri umani. “Paro” è stato recentemente girato inDenmark, e il tema del film mostra la differenza di punto di vista sui robot tra occidentali e giapponesi. Il robot simile a un cane di Sony chiamato AIBO è stato anche un best seller, sebbene ne abbiano interrotto la produzione nel 2005. Questi sono gli esempi che i giapponesi considerano i robot più di qualcosa che lavora duramente nelle catene di montaggio o fa attività di routine. Piuttosto, si occupano di questi robot come animali domestici e amici. Così, mentre i robot sono visti come” fonte di lavoro ” nel mondo occidentale, in Giappone vengono trattati come esseri viventi con cui gli esseri umani lavorano o vivono insieme.”

Lo spirito Monozukuri lungo e corto è vivo oggi ed è ancora oggi un concetto chiave perché è sinonimo di creatività e innovazione giapponese.

Report Memorandum #06-06, National Science Foundation

Storia della Giapponese homegrown scienza, infine, si aggiunge il Japan Times Sun, Aug 10, 2003

“L’arte dietro l’industria” di Julian Satterthwaite, giovedì 7 luglio, 2007

La Mentalità di Monozuri

Lo Sviluppo di Kentucky-Toyota Partnership di Ricerca: Applicazione per Monozukuri

Museo Commemorativo Toyota dell’Industria e della Tecnologia in Nagoya1-35, Noritake Shinmachi 4-chome, Nishi-ku, Nagoya 451-0051 Giappone
Tel. (052)551-6115
Fax. (052)551-6199

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.