L’estratto di foglie di Moringa oleifera può abbassare la pressione sanguigna nei pazienti con BP alta: studio

L’ipertensione è un importante fattore di rischio per futuri eventi cardiovascolari come infarto miocardico e ictus, che è spesso accompagnato dalla maggiore costrizione delle arterie e delle arteriole di resistenza.

La Moringa oleifera è un grande albero originario dell’India del Nord conosciuto con una varietà di nomi, come l’albero della bacchetta, l’albero del rafano o l’albero dell’olio di ben.

La Moringa oleifera è stata elogiata per i suoi benefici per la salute per migliaia di anni.Le sue foglie sono usate come verdure e per la fitoterapia tradizionale.

Direk Aekthammarat et. al. attaccato al Dipartimento di Scienze mediche di base, Facoltà di Medicina Vajira Hospital, Thailandia hanno riferito che l’estratto di moringa olifera (MOE) abbassa la pressione arteriosa attraverso indurre il rilassamento della piccola arteria resistenza principalmente attraverso l’attivazione della via eNOS-NO-sGC.

Prove precedenti hanno già identificato la promozione della produzione di ossido nitrico (NO) nelle cellule endoteliali utilizzando prodotti naturali come potenziale strategia per prevenire e trattare l’ipertensione.

La Moringa oleifera Lam (Moringaceae) è una pianta tropicale ampiamente utilizzata come alimento e nelle medicine tradizionali. Sebbene recenti rapporti abbiano convalidato che la somministrazione orale di estratto acquoso di foglie di Moringa (MOE) ai ratti era una prevenzione efficace contro l’ipertensione correlata allo stress ossidativo, alleviando la disfunzione endoteliale e la vasocostrizione iperattiva e MOE ha mostrato un eccellente rilassamento endotelio-dipendente nell’arteria di resistenza ipertensiva, ma l’effetto di MOE sull’endoteliale NESSUNA produzione sulla riduzione della pressione

I ricercatori hanno condotto lo studio su ratti Wistar maschi (6 settimane di età). È stato preparato un estratto acquoso di foglie di M. oleifera (MOE). La misurazione della pressione arteriosa in vivo nei ratti anestetizzati è stata eseguita dopo l’applicazione del MOE.

I fatti evidenziati ottenuti dallo studio sono –

L’effetto di abbassamento della pressione sanguigna di MOE è associato al rilassamento della piccola arteria di resistenza.

•MOE induce il rilassamento endotelio-dipendente attraverso la via eNOS/sGC.

•MOE NON aumenta la produzione nelle cellule endoteliali dell’arteria polmonare umana.

Gli autori ritenevano che la vasodilatazione e gli effetti di abbassamento della pressione sanguigna di MOE derivassero dall’aumento della produzione di NO da parte di NOS endoteliali. Di solito è difficile iniettare la medicina tradizionale con componenti complicati nel corpo umano. Pertanto questi estratti di foglie possono essere un approccio alternativo relativamente sicuro per ipertesi.

“Se MOE ha effetti su altre cellule endoteliali e la sua efficacia negli esseri umani richiedono ulteriori studi.”gli autori hanno scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.